Cosa vedere a Ravenna

Ravenna
Ravenna

Ravenna è una delle città d’arte italiane più interessanti e nulla ha da invidiare a mete più gettonate, considerando il suo grande patrimonio artistico e culturale. Ciò dipende molto dal fatto che Ravenna può vantarsi di essere stata capitale di tre imperi, quello Romano d’Occidente, quello dei Goti e di quello bizantino. La innegabile importanza storica e culturale di Ravenna è certificata anche dal fatto che ben 8 monumenti sono divenuti Patrimonio Unesco. Cosa fare in una vacanza a Ravenna?

Basilica di San Vitale

Un tour alla scoperta di Ravenna potrebbe prendere il via dalle tante basiliche che contribuiscono a rendere la città così affascinante da un punto di vista storico, culturale ed artistico. Per venire a stretto contatto con la Ravenna dell’epoca bizantina e paleocristiana, ci si deve recare alla Basilica di San Vitale. Per gli amanti della storia e delle date si può ricordare come essa venne consacrata nel 548 ad opera di Massimiano, all’epoca arcivescovo della città. L’esterno di questo luogo di culto è quello tipico delle costruzioni di epoca paleocristiana, ovvero assai essenziale.

Tuttavia qualsiasi turista, una volta all’interno non potrà che rimanere affascinato dalla cupola interamente decorata da mosaici che con i loro colori contribuiscono a rendere questo basilica un luogo unico. Da ammirare è anche la pavimentazione, dove i più attenti riconosceranno un labirinto, metafora del peccato e del cammino verso il perdono di Dio.

Basilica di Sant’Apollinare Nuovo

Così come quella di San Vitale, anche la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo fa parte del Patrimonio Unesco e non potrebbe essere altrimenti, considerando che il suo interno ospita quello che è il più esteso ciclo di mosaici a livello mondiale, nei quali sono raffigurati alcuni momenti della vita di Cristo, oltre che di alcune figure che sono state santificate dalla Chiesa Cattolica. La costruzione della basilica, stando alle fonti storiche, risale al 490, mentre i mosaici sono in parte risalenti al periodo di Teodorico e in parte a quello giustinianeo.

I mausolei di Ravenna

Mausoleo di Teodorico
Mausoleo di Teodorico

Continuando la scoperta di Ravenna attraverso i monumenti che l’Unesco ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità, si potrebbe dedicare del tempo al Mausoleo di Galla Placidia e a quello di Teodorico. Il primo è di grande importanza da un punto di vista storico ed artistico perché al suo interno si possono ammirare i mosaici più antichi di tutta la città. Ad una prima occhiata il Mausoleo di Galla Placidia potrebbe sembrare poco interessante, visto il suo stile architettonico assai sobrio, ma in realtà è uno dei luoghi che hanno reso Ravenna una città così importante dal punto di vista culturale. Agli appassionati di storia farà piacere sapere che esso è intitolato alla sorella di Onorio, che è finito sui libri di storia principalmente per il fatto di essere colui che decise di rendere Ravenna capitale dell’Impero Romano d’Occidente a discapito di Milano.

Il Mausoleo di Teodorico è probabilmente il primo luogo che viene in mente alla maggior parte dei turisti quando si parla di Ravenna. Da un punto di vista strutturale si tratta di una costruzione su due livelli e si caratterizza per il fatto di essere davvero lontano per atmosfera e architettura dalle basiliche di epoca paleocristiana citate in precedenza.

I battisteri e la tomba di Dante Alighieri

Tomba di Dante Alighieri

Forse non tutti sanno che le spoglie di Dante Alighieri, il sommo poeta il cui nome è legato a Firenze, riposano a Ravenna. Ciò perché quello che è considerato il “padre” della lingua italiana visse in esilio nella città romagnola nei suoi ultimi anni di vita. Per visitare la sua tomba ci si deve recare nella Basilica di San Francesco, dove le sue spoglie riposano all’interno di un piccolo tempio che è stato edificato seguendo i dettami architettonici neoclassici.

 Battistero Neoniano
Battistero Neoniano

Quando si parla di Ravenna e dei luoghi che contribuiscono a renderla una città così interessante e che bisogna visitare nel momento in cui si dovesse decidere di trascorrervi qualche giorno, si devono menzionare anche i battisteri. Il primo da visitare dovrebbe indubbiamente essere il Battistero Neoniano, che deve il suo nome a colui che più di tutti si spese per la sua costruzione, ovvero il vescovo Neone. L’edificio all’esterno è caratterizzato da austeri mattoni di colore rossi, mentre all’interno si possono ammirare dei bellissimi mosaici. Nelle vicinanze si trova il Battistero degli Ariani, che pur essendo meno noto merita comunque una visita.

Altri luoghi da non perdere a Ravenna

Ravenna, oltre ai tanti luoghi descritti finora, si caratterizza anche per il fatto di avere un centro storico dove è davvero piacevole passeggiare e dove fermarsi a mangiare in uno dei tanti ristoranti che tengono alta la tradizione culinaria della regione. Un qualsiasi turista che dovesse decidere di scoprire la città non potrebbe dire di averlo fatto davvero senza una camminata in Piazza del Popolo e senza aver provato ad esempio la piadina Romagnola.

Nel corso di un viaggio a Ravenna bisognerebbe inoltre trovare il tempo per scoprire la Rocca Brancaleone: la sua edificazione avvenne nel 15°secolo ad opera dei veneziani. Un tempo era una vera e propria fortezza difensiva, mentre oggi al suo interno si trova uno degli spazi verdi più belli della città, che vale davvero la pena visitare nel corso di una vacanza. Se si dovesse visitare la città nel periodo estivo, si potrebbe anche avere la possibilità di assistere ad eventi culturali come ad esempio dei concerti, che quando il tempo lo permette si tengono qui.

Non solo cultura a Ravenna, ma anche divertimento

Tra i tanti motivi che rendono irrinunciabile l’idea di trascorrere qualche giorno a Ravenna, vi è anche la presenza di quello che è il parco di divertimenti più grande ad oggi presente su tutto il territorio italiano. Il riferimento è a Mirabilandia, luogo di svago perfetto da vivere appieno, a partire dalla ruota panoramica che a livello europeo è la seconda per dimensioni e che è il simbolo di questo parco di divertimenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.